Articolo in evidenza

PRESENTAZIONE

contratto_operacalla_stupro_frame_042-500x272 copiacertificato_umiliazione_03

L’inautenticità lasciata allo specchio
Da sempre l’umano è dimentico di sé. E’ un costante esercizio di messa a fuoco a dispiegarlo intellettualmente nello spazio-tempo, dov’egli poi si risolve nell’assiomatica progettualità dei suoi negotii.
Eppure, qualcosa sfugge: un difetto di percezione spinge i significanti all’esterno senza trasferire – non senza una perdita di consapevolezza – il contenuto. Complice forse l’anatomia di questa nostra forma, il corpo, il cui verso protende al di fuori senza mostrare il dentro, si ha quasi pudore a soffermarsi in quei fermenti che ribollono sotto pelle. Le sensazioni, allo stesso modo, sono restituite all’oggetto già mediate, mentre la coscienza si affida ad un’immagine, anche questa mediata, scavalcando la voce del corpo.
Il riconoscimento, dunque, è il leitmotiv dell’artista, che incuriosito dal rovesciamento della materia nelle impronte in negativo dei suoi calchi, indaga i rapporti tra ciò che è mostrato e la sua essenza, il contenitore e ciò che è contenuto.
“Iste ego sum” è l’eterna dicotomia dell’uomo che prende coscienza di sé attraverso la relazione con l’esterno, l’osservazione dei suoi simili o della propria immagine riflessa. E così che, specchiandosi, si riconosce (o disconosce) nei valori di riferimento. Ma soprattutto nel proprio esistere, definendosi come identità.
Tuttavia, l’artista denuncia come in questo processo una certa parte dell’esserci, l’umore, è tragicamente trascurata e banalmente celata dietro l’involucro del corpo, senza il quale non può trovare espressione. L’individuo, infatti, ospita in sé una distanza incommensurabile fra l’emozione e la sua traduzione in pensiero, finendo così per sacrificare le capacità di percepire e d’empatia in cambio di una più formale sovrastruttura di comportamenti e reazioni socialmente collaudati.
Avviene così che Marco Chiurato, artista italiano noto per la sua straordinaria padronanza nello scolpire lo zucchero, s’avvale della materia – ma ancor più dell’efficacia propria dell’azione artistica – per rivoltare dalla parte opposta al dritto lo schema emozione – reazione, controllato dal sistema associativo dell’intelletto. Cosicché, ciò che appare provocazione, è piuttosto un’esegesi della realtà in chiave umoristica, con il preciso scopo di riportare l’individuo sulle tracce del suo sentire profondo, delle sue emozioni recondite, citando il contesto solo come espediente, come una valvola per la fuoriuscita del movimento psichico.
Nella sua produzione artistica, pur mossasi per voli pindarici, persiste il tratto unificante di presentare il banale – inteso come il conosciuto, ciò che è sempre sotto i nostri occhi – per ingannare l’intelletto e quindi schivarne lo sforzo di elucubrazione, costringendo all’avamposto la genuinità del sentimento, anche quando naïf . La conformità viene allora superata dalla monelleria del fanciullino, il quale sospende il giudizio e partecipa emotivamente a ciò che vede, senza distinguere con nettezza la realtà dal suo mondo interiore.
A Marco Chiurato, classe ’73, fu imposto il mestiere di maître pâtissier per tradizione di famiglia. E tuttavia, accompagnandosi con studi artistici e attraverso la manipolazione di materiale dolciario, approda alla sugar art, padroneggiandola al punto tale da riprodurre fedelmente oggetti reali. E’ da qui che origina la sua produzione d’arte performativa: avvalendosi proprio dello zucchero, confonde il reale con la mimesi e nel contempo esplora gli impulsi della psiche, la quale interagisce con l’opera superando quel sistema di valori che attribuisce senso di approvazione/disapprovazione agli oggetti della realtà fenomenica.
Il risultato è la distruzione sconsiderata e istintiva della copia in zucchero, nell’illogico proposito di sgretolare sia la relazione di partecipazione che la cosa ha con l’idea, sia il procedimento intellettivo che le rapporta fra loro. Lo zucchero, infatti, a simbolo della vita inautentica, non cosciente, passa del tutto inosservato nella sua apparente innocenza.
L’effetto della sua devastazione, a sonori colpi di martello, è perciò di stupefacente impatto: reboante monito e risveglio, per non identificarsi con le cose del quotidiano e col sonno vigile che coglie nella cura di queste.
L’artista si avvale anche di altri materiali, sempre ad uso comune, dalla ceramica al pan di Spagna, per installazioni che da un punto di vista figurativo rappresentano concetti abitualmente integrati nell’ethos collettivo. Volutamente, perciò, egli espone il già visto, ciò che è dato per scontato e perciò privo di carica emotiva (o peggio, ciò che è tenuto nascosto), con il preciso intento artistico di scardinare la ragione che giustifica e provocare una reazione: non una qualsiasi, ma quella capace di condurre in moto diretto all’emozione imbrigliata.
L’insinuarsi in spazi proibiti e argomenti velati da un pudico silenzio sociale (come la sessualità, la violenza sulle donne, il suicidio o i deliri devianti la Fede) è il mezzo che giustifica il fine dell’artista: offrire il suo cuore aperto, invitando il pubblico a trasalire, con lui o contro di lui. “Iste ego sum: sensi, nec me mea fallit imago”: l’agnizione è dunque il vero proposito dell’artista, cioè il riconoscere quel sentimento vivissimo che abita l’uomo e che si specchia meglio nell’arte.
Per giunta, un altro strumento nelle mani di Marco Chiurato – come lo sarebbe il pennello impugnato dal pittore – è la performance o per meglio dire l’azione perturbante: egli, di fatto, provoca l’agitazione tramite gesta, atti, iniziative potenzialmente verosimili ma dal contenuto del tutto assurdo. Il pubblico crede sia vero, abboccando anche al riverbero mediatico, per poi rimanere sgomento e stizzito allo svelarsi della semplicità del raggiro, del sottile confino tra il serio e il ridicolo, dell’inettitudine di fronte al capovolgimento dell’aspettativa.
Per concludere, la chiave di lettura di Marco Chiurato è decisamente l’umorismo, nel senso etimologico del termine: il cogliere, il far riaffiorare l’umore, i liquidi che ci mareggiano dentro e sbattono e ribattono contro le pareti del corpo organizzato dalla mente. L’avvertenza di quello che scorre sotto la superficie delle cose o dell’ego – e che l’arte riesce a raccogliere come un fontanile! – è il risultato della provocazione umoristica, del riso amaro che suscita, della verità raccontata nell’assurdo.
Così Marco Chiurato è consapevolmente un anti-eroe. E’ un Giasone la cui ricerca del Vello d’Oro è solo l’aspetto superficiale, mentre il senso profondo dell’impresa è trovare il sentimento dell’esser-ci, la consapevolezza dell’anima che partecipa costantemente alle cose del mondo senza che sia vista o ascoltata.
L’uomo si guarda allo specchio (o più attualmente si fa un selfie): la sua immagine esiste come ex-sistentia, esternamente a sé, e resta lì, intrappolata come la consapevolezza nella consuetudine di ogni giorno. La performing art di Marco Chiurato scuote la sagoma imbambolata e la rigira come fosse una fodera, imponendole uno sguardo faceto ed emozionale sul più vasto mondo interiore.
di Sofia Cavalli

STUPRETI100ftalatiDUBLIN CASTELMail Artofferta_s.r.l.amorefolleCuori-sottoVUOTO_foto_07firmafirmataabuso_pianoefortemateria_gemellaspazio_temporalefuneral_party_CROCIATITRUFFA_E_SCULTURAlucidavaticanoCOCO-DE-MER-FLASH ARTPIU_O_MENOALTALENA SPONSORIZZATALO POTEVO FARE ANCH’IOIL BAMBINO DI QAYYARAdismissedLINVIDIA_INVIDIA_LINVIDIA_01 crocifissionearcheology_01CRONOLOGIAiraKunst macht freiKim “USA” TrumpSIERRA_SALA_BINCLOCHARTsolvente_genealogicolesbia_di_catulloi_compleanni_di_alessandro_mendini

futurevintage_rollingstonesFUTUREVINTAGE2018_limk_11VINCONO_I_BIANCHI_limk
SAUDADEPREMEDITATED SUBSTANCETENSIONI
migrazioneVORREI-CHE-TI-BASTASSE-SOLO-QUELLO-CHE-HO-copiafuneral_party_linkOn-a-Pedestalcalla_stupro_frame_04 closed_gallery_olocausto_foto_mostra_56a i_feti_di_pripyat_111 madres_di_merda_foto_15 attacchi_di_panico_05 BOTANICO   canibambini_sprecati game kim copia NATURA TRA MAIALI E POTENTI SEXY SHOPACCATTONAGGIO DI MINORE copia ANELLO DELLA VERGOGNA copia  ANFSEC-copia copia ANONIMA SEQUESTRI copia ANOREXIA copia ASBESTOS CHILDREN’ S TOYS copia ATOMIC BRUNCH copia AY AY AY BEN ARRIVATA copia BOA BOTANICOS copia CANNIBALISMO CODICE DIETRO LE SBARRE copia CONGELARE LE CELLULE copia CULLARSI copia DERVISCIO copia FEMMINE STERILI copia FIGLI DI PUTTANA copia GATTO-AL-NERO hospitalITA copia HYPOCONDRIACAL copia IL FRIGO CREMATORIO copia IL PAGLIACCIO CHE LAPIDA LA PAGLIACCIA copia IMBARCARE copia INSEMINATION inVASIv copia LATTE-+-copia LO STUPRATORE copia LOVE IS LOVE MADE-IN-ITALY-copia copia PALLONCINO A GAS.O.S. MAMMA copia NATURA NATURAE copia NEMO LADRO IN PATRIA copia NUCLEO-PLANETARIO-copia OGGETTI AUTISTICI copia OLD YORK copia PERFIDIA copia PERSONE GIUNTE copia PLASTIC SNAKE’ S SNACK copia POmPE-DI-MEDJUGORJE-copia PURGATORIO copia SALVANIENTE SCAFISTI ft ONG copia SCARTO D’ ARTISTA copia SOTTO SPIRITO SEMINALE copia SUPERFICIALE copia TAGLIA copia TELECOGLIONE copia TI HO SEPPELLITO UOMINI-ATMOSFERICI-copia VISCIDI ERMAFRODITI copia VOMITARE SENTIMENTI copiaACCATTONAGGIO DI MINORE copia20 copia 112 copia ABUS copia AMORE SIAMESE copia ATTRAVESO I TUOI OCCHI copia autointercettazione-copia BAMBINI MERINGA copia BOMBE A MEZZ’ ASTA copia CHIOD-copia CHIURATO-INVIDIA-BASTIANICH-copia DI-TE-NON-RIMARRA’-NULLA-copia EDONISTA DELL’ ARTE copia ellePHANTil copia ESONDAZIONE copia FAREMO I CONTI NELLALDILA’ copia FERITE-NASCOSTE FINCHE’ VITA NON CI SEPARI copia GIOCONDA copia GRANDMA’S BANK copia I-DON’-T-copia IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI copia INCEPPO DI FAMIGLIA copia INDOSSARE VAGINAE copia INSTALLAZIONE CONFIDENZIALE copia IO-TI-AMO-IO-TI-ODIO-copia L’ ECOcidio copia L’ ULTIMA SPIAGGIA copia LETAMAIO CONTEMPORANEO copia LUPA-copia MORIRE PER SOFFOCAZIONE copia NATALE IN SIRIA chiesa copia NATALE IN SIRIA copia NEVE copia NON HA SUONATO copia ORO NERO copia PABLO copia PABLO VINTAGE F copia PROIEZIONI-copia SCAGLIARE AMORE CON ENERGIA copia SISTEMA ORTOSIMPATICO copia TRUMP - BASILICA copia TUTTO IN UNA NOTTE copia UN FIUME DI PAROLE copia VENDETTA ARDENTE copia VITE copia IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI copiaARRAMPICATRICE-SOCIALEDISTRUGGI D. I.asdreABUSAU! copia DIPARTIMENTO DI STORIA copia IO SO IO copia L’ EDUCAZIONE HA UN LIMITE copia INSPIRO IL TUO ESPIRO copia SMART HEART copia SINDONE DI PACE copia I breathe love and death copia NON FALCIATE LE GAMBE ALLE MARGHERITE copia IN MANO I TUOI OCCHI copia L’-ARTE-DI-SPRECARE-copia AUTOBULLISMO copia C’E’-LA-NEVE-NEI-MIEI-RICORDI-copia LEZIONE-PER-LA-VITA-copia CHI NON AMA L’ ARTE NON E’ MAI NATO, CHI LA CREA E GIA’ MORTO copia TORTAMENTO copiaMANICOMIO-copia AMOREDOLORE copia LEGA ME copia NON ANTICIPARE IL DESTINO DI UNA CANDELA copia E’-FINITA-LA-FESTA-copia ANCORA DI MORTE copia LIBERAMI DAL MALE copia NATURALE MATERIALE copia TEMPUS FUGIT copia HEIL VATER! copia PALMYRA copia VEDO ATTRAVERSO GLI OCCHI DI MIA MADRE copia LACRIME DI GIOIA FT LACRIME DI DOLORE copia PIN-occhio copia APPROPIARSI copia GET-OVER-YOURSELF-copiaUN MINUTO DI SILENZIO copiaPOCHI METRI DI CORDA copiaANCHE SE NON LO MERITO copiaSTRIP TEASE copia SANREMO BADGE copia CORNUCOPIA copia BO’ PADOVA copia L’ ESEMPIO DEI GIUSTI copia BAMBINI CRUDI copia PRYDE copia CENERE copia AVIDITY copia AUNG SAN SUU KYI copia MIRROR MIRROR copia EXPO copia LACRIMA NELLA ROCCIA copia CUCIRE VAGINAE copia LOST FAMILY copia STUDIARE FA SCHIFO copia TIME TO TIME - FAAC copia ZIA copia RASSEGNAZIONE-copia LA MADRE DI BONALDI copia CURATORE-ARTISTA copia NIGHTMARE copia I COLORI DELL’ AFRICA copia AH! copia VOLKSWAGEN MACHT FREI #ditomedio copia TELELECCO copia FOOD FESTIVAL copia HABANOS copia GAVIN WATZON copia BIENNALE SUGARART copia INFANZIA IMMONDA copia TIME TO TIME copia LAUTO SCONTRO copia THIS IS LIFE copia TV 84 copia NON TI SCORDAR DI ME copia USA LIBRE copia SUDAN-copia TOTAL GREESIS copia ITALIA SQUISITA copia TU copia CIBIC CHIURATO copia ZAMPERLA copia ROMPI IL SILENZIO copia GDV copia E DOP? copia ZOLLA RIBELLE copia performance PALAZZO MORA – BIENNALE VENEZIA copia IMPRONTE ULTRA VIOLENTE copia SALONE-MILANO-2015-copia TESI copia BONOTTO CHIURATO copia XIX Congresso Nazionale UBI 2015 copia Flower sugART Power copia FERRARELLE copia 40 PORTATI BENE copia FIGLI DI HOOLIGANS copia OLIVETTI performance copia MINIsugar-copia INFUSION copia 55DSL copia FECERO UN DESERTO copia L’ ITALIA S’E’ DESFA copia MAGGIOREDESIGN ILLUSIONI ELQCCHIURATO S.P.Aa. ROTAIA 1-6.000.000a M.C.C.Wa.F.L.U.X.U.Sa.PASTA MADRE copia MADRETERRA copia BARARE copia“FROCI” copia 1 copia  wwwwww rr qqqq ABITO copia ACQUASANTIERA copia AF HONG KONG copia AMORE CHE NON SI SPEGNE copia AMORE E PSCICHE copia APNEA copia ASSOLO DI ZUCCHERO copia B copia BOMBADAY D-DAY H-30 copia BOSTON copia CASTINGTETTE copia CATEGORIE copia DUELLO CON RESA copia cena di gala POLIZIA DI STATO copia CLAN SANTAPAOLA copia wwww COLUMBIA copia COME GLI EBREI SOTTO HITLER copia COMPLESSO copia DANNATA SEDE – TIME TO TIME copia DIMINUTA-backstage film Reynaldo Gianecchini-Clarice Alves copia DONNA GIRAFFA copia DOWNWIND DUELLO CON RESA copia FACING TIME copia FEDE CHE NN AFFONDA copia FEDERICO II ED I SUOI COMMENSALI copia FERRARELLE copia FONDAZIONE BONOTTO copia FOTO RICORDO copia FREE NOT TO SEE copia HEIL! copia IL DOLCE ABBRACCIO DEL PERDONO copia INVIDIA CRONICA copia LA FENICE copia LA GRANDE BELLEZZA copia Lc 7, 36-50 copia LE COIFFEUR DES COULATELLE copia LEONILDE, WEIGHT OF MORE LIVES copia LEZIONE DI FINE ANNO copia LIBERA DI LEGGERE copia LOBBY BALLOONS copia MADRE copia MANIPOLATORE copia Marco Chiurato envies Michael Franti copia MAXIM 2014 copia MAXIM copia Merry Christmas 2013 copia NEGRO copia NEIGHBORS copia NEL MONDO DI ALICE copia NON LO AVREI MAI DETTO copia ONLY GOD KNOWS OUR SECRETS copia OPERAESTATE copia OPERAZIONE ARTI copia ORDO CARCERIS copia PAPAšnikov copia PATRIOTISM copia PENETRAZIONE copia ponteVIVO copia PROCESSO BIOLOGICO copia respiriAMO copia RESTRIZIONE VOLONTARIA copia SCQUOLA copia SOS SCQUOLA copia STALLO copia STATO ALLA FORCA copia SUGAR POP copia sugarPOP”mental hospital” copia SUPERNORDEST copia TAPIRO copia TEPPISTI MENDINI+CHIURATO copia TESTIMONIAL ILLY copia THANKS RAPITS copia THE OSTRICHES HUNT copia TRE copia VENA copia VERIFICA ABUSIVA copia VIENI! copia VOYEUR spio sesso per ottenere gratificazione copiaPATPONG a margie… PONTE CHE INVECCHIA1asdeee ssss aaaaaqqqqPONTEVIVO SALVIAMO IL PONTEGIOCO D’ AZZARDOBLUCOBALTOZUCCHEROAVELOARTIGIANO ARTISTAFRATELLI MUSSULMANISELF SERVICEBREVE SOSTA DELLA TERRA SULLA TERRAPATPONG applicAZIONE copia MY GRANDMOTHER DIED copia ITA copia s-OGGETTO copia ELENA GRIMALDI copia PIMP MY CAR copia NATO UN PAPA copia أسطول copia STRONG POWER copia SEGNI INDELEBILI copia ERNESTTICO copia LORENZO COGO copia NAKED ART copia ANTONIO RIELLO copia UN SEGNO DI PACE copia ARTE ACCESSIBILE copia MANGIADISCHI copia

FUNGUSIL TRADITORETUTTO_TORNACORRENTE ABUSIVAkkk2BLA BLA BLA copia FAMILY sur REAL copia SOLD copia MERRY CHRISTMAS copia SUPERBIA  copia CYCLE copia ENVIES KIM JULES copia RESISTENZA copia LAST GOODBYE VASI PANDORAREINCARNATION copia PICASSO vs CHIURATO copia VITRA copia OXYGEN copia PICASSO vs CHIURATO VIDEO copia 4HANDS copia armSTRONG copia FrantiV copia LUCID DREAM copia KAYAN copia EFFETTI SENZA CAUSA copia suiciDIO copia ONLY GOD KNOWS OUR SECRETS copia INSIDE YOU copia ORA copia PARTICOLARI DEL CANOVA copia FIORUCCI TIME TO TIME copia SIT UDINE copia CONCEPIMENTO copia MANICHE CORTE O MANICHE LUNGHE? copia CHI E SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA copia Zacharias_Giannaki copia IKillForLife copia ATTENTAZIONE copia Michael Franti – Jay Bowman “installazione Sexhibitionism” copia GIORNATA DEL CONTEMPORANEO copia SIT! MAROSTICA copia the-RING-of-LOVE-copia ENVIES-BRANCUS-copia ANGELA LOVEDAY copia STORY CORNER copia CLETO MUNARI + 1 copia DARIOI FO copia DISASTROUS WEDDING copia FUKUSHIMA 131 copia ITA RIALZATI ITALIAssss ENVIES GIULIO CAPPELLINI copia TORTA SENZA FESTA copia CASANOVA copia SONO VENUTO A PRENDERLO copia ESSERE PALLADIO copia BANDIERA BIANCA copia ARSENIO copia SATURNINO copia IUAV PALAZZO STURM copia ILLUSIONI copia DIVIETO DI CACCIA copia ENVIES PAOLO ROSSI copia ENVIES TINTO BRASS copia TINTO copia 33 copia ART FIRST copia BUIO DEL VEDENTE copia POTENZIALMENTE COLPEVOLE copia MAGDA GOMES copia LANIFICIO FERRARIN copia NEXT copia SugarCars”Absolute-darkness”-copia FRANK GEHRY copia ATELIR CLETO MUNARI copia TANGSHAN ORE 3,42 copia TERRENOVE copia ADUNATA DEL CONTEMPORANEO copia SOLITUDINE DISTRUTTA copia EPIGRAFE CLETO MUNARI copia DESIGN CRISIS copia LUXURY&YACHT copia POSSESSIONI copia Bijules-Rock-Collection-Invite1 copia 25 CENT copia PICASSO ERA UN DESIGNER copia UseLessIsMore copia FONDAZIONE VIGNATO copia Safari-JOVANOTTI Video Contest copia 10000 copia ENVIES ILLY copia TESTIMONIAL ILLY copiavv tt sd cv  13asd CHIURATO FOR DIESEL copia SALEFINO copia BAMBINI CATTIVI copia FUORIBIENNALE copia DIESEL BE STUPID copia SEXHIBITIONISM copia SEXHIBITIONISM foto inaugurazione copia ENVIES JOEVELLUTO copia ENVIES CLETO MUNARI copia ENVIES WAINER VACCARI copia ENVIES LUIGI PELLANDA copia ENVIES ALESSANDRO MUNARI copia ENVIES LORENZO DONDI copia ENVIES FRATELLI CAMPANA copia ENVIES JEEF KOONS copia ENVIES MENDINI copia LUXURY&YACHT 2008 copia DOPINGzxxc qqqqqssssssLINEA 79 copia RIVISTE copia

I COMPLEANNI DI ALESSANDRO MENDINI

i_comleanni_di_mendini_locandina_04
Oltre il Salone 2019 “Omaggio ad Alessandro Mendini”

Closed Gallery
Marostica (Porta Basano) di Marco Chiurato
Presenta
“I compleanni di Alessandro Mendini”
Di Marco Chiurato
12-13-14 Aprile 2019
Testo critico di Massimiliano Sabbion
inaugurazione
“Il vuoto di Mendini”
Venerdì 12 aprile ore 18,00

Il 18 febbraio 2019 è morto il designer e architetto milanese Alessandro Mendini, un artista che ha segnato la storia tra rinnovamento e fantasia, un uomo in primis che, attraverso i ricordi di chi lo ha apprezzato e conosciuto, rivive nella mostra omaggio di Marco Chiurato “I compleanni di Alessandro Mendini”, tra i ricordi dell’artista vicentino riaffiorano i compleanni e gli incontri avvenuti con il designer lombardo di cui restano le opere, le fotografie, i video, le testimonianze che non colmeranno mai comunque il vuoto lasciato.
L’apparenza spesso si presenta come un biglietto da visita per far vedere dietro cosa c’è, l’apparenza è ingannevole come un soffio di vento, come una decorazione da pasticceria fatta di zucchero: bella e preziosa, ma che nasconde la caducità e la fragilità se la si tocca o manipola in maniera errata.
L’apparenza sono tutte le opere d’arte di una galleria di cui fanno bella mostra in vetrina, ma una volta varcata la soglia dentro c’è il vuoto, il nulla, lo spazio enorme di chi non sa e percepisce solo quelle che vede, non quello che si sente.
La mancanza di un artista, di un amico, di un uomo riaffiora nella mostra di Marco Chiurato perché si può sempre ricordare un grande uomo con le sue grandi opere e parole, ma diventa tutto più semplice e facile farlo in questo modo; e se invece si potesse solo ricordare e riflettere sul senso di “vuoto” lasciato e da colmare? Lo spettatore è invitato dall’apparenza ad entrare nello spazio espositivo per completare questo vuoto lasciato da chi, il 18 febbraio 2019, ha lasciato per sempre questo mondo.

L’incontro di Marco Chiurato con Alessandro Mendini avvenne in maniera sfacciata e rocambolesca: l’artista di Marostica non esitò a presentarsi davanti all’architetto e designer milanese con la provocazione narrata dalla riproduzione in zucchero di un mobile progettato dal designer stesso che, tra lo stupito e il divertito, lasciò entrare nel suo studio Marco Chiurato perché potesse dare vita alla sua performance distruggendo a martellate l’opera in zucchero.
È il giorno della loro conoscenza, è il giorno della presa di posizione di follia, umiltà e divertimento che inebria l’aria e farà ritrovare i due nel nome dell’arte in altre occasioni.
Fiera del Lusso: qualche anno dopo il loro primo incontro Chiurato e Mendini firmano insieme a Cleto Munari un dolce alto sette metri, ripresentato poi nel 2015 a Expo Milano e distrutto con una triste fine nel Padiglione Sudan.
Nello stesso anno, il 16 agosto, l’incontro si salda con la ricorrenza del compleanno di Alessandro Mendini, dove Marco Chiurato si presenta con un regalo simbolo di arte e dolcezza per il Maestro: un dolce decorato per dieci persone e la riproduzione di un mobile di Mendini in scala quasi microscopica ridecorato poi dallo stesso Mendini in sede e restituito a sua volta come regalo a Chiurato: un oggetto che si fa dono a sua volta e regalo per chi lo ha dato e poi ricevuto.
L’onda dei ricordi sgorga dalla viva voce di Marco Chiurato che racconta tra il serio e il faceto gli incontri semplici, fatti quasi come giochi tra i due: il giovane che sorride e provoca, l’artista maturo che si presta e ne ride compiaciuto: “Alessandro ti ho portato un regalo!” “Che cosa hai portato Marco?” “Apri e vedrai”, ed ecco comparire una scatola contenete ingredienti per la realizzazione di un dolce e il necessario per diventare cake designer, diventato chef per un giorno con un’impresa tutt’altro che facile Alessandro Mendini impasta e cucina un dolce firmato “Alessandro Mendini”, un pezzo di storia, un pezzo d’arte che sarà mangiato dai presenti e dell’arte non vi sarà più traccia…
La faccia divertita e l’espressione ingenua da bambino che escogita sempre nuovi regali e giochi di Marco Chiurato si scontrano con lo sguardo curioso di Alessandro Mendini che aspetta sempre le trovate dell’artista veneto: una scatola di legno sigillata con delle viti recanti l’avvertimento “Se apri la scatola devi accettare tutto!”, presto fatto, contratto firmato e accettato: al suo interno opere in miniatura di Ettore Sottas da distruggere con un martello!

“Ciao Alessandro! Mi tieni aperta la porta? Dai che pesa!”
“Marco…ma…cosa ci fa con un televisore in braccio?”
“Alessandro devo buttare questa tv ormai vecchia, ha il tubo catodico vedi? Sono modelli che non si usano più! E mi sono chiesto, perché buttarlo? Lo porto ad Alessandro!”
“Perché proprio a me?”
“Perché così diventa un’opera d’arte no? E ci risparmiamo la via dell’ecocentro, dove andrebbe a finire e buttato.”
Mendini accetto di buon grado la tv dal tubo catodico e contemporaneamente apre la finestra di casa e sullo schermo disegna ciò che vede dal paesaggio esterno direttamente sullo schermo.
“Ecco. Ho disegnato sullo schermo che serve per vedere ciò che in realtà io vedo. Bene, ora caricalo in auto e portatelo a casa questo televisore con tubo catodico Marco!”
L’anno dopo Marco porta ad Alessandro una tela bianca, pronta per essere usata e Mendini si mette all’opera disegnando e alla fine guardando il risultato esclama: “Marco, questo disegno non mi piace…” e di pronta risposta Chiurato: “Alessandro, se non ti piace te la lascio!” e la tela rimase a Milano, perché? Perché questi gesti di accettazione o repulsione?
Perché non tutto quello che ci piace resta con noi, spesso le cose che non si amano ci rimangono addosso, appiccicate, accettate, fagocitate e restano dentro: una scatola può nascondere l’invidia verso chi ha realizzato cose migliori di noi, i bocconi si possono ingoiare come torte zuccherose, magari impastate con le nostre mani, il lavoro che si compie può diventare gioco e fantasia, divertimento, follia.
Chissà, spesso quel “portatelo a casa” rivolto ai regali di Marco sono rimasti nel limbo del pensiero di chi li ha fatti e di chi li ha ricevuti: Mendini ha preferito rispedirli al mittente o metterci la faccia e la firma sapendo che un giorno questi stessi oggetti sarebbero poi stati considerati opere d’arte uniche oppure semplicemente uno scambio di battute e di stima, di amicizia tra il giovane artista e il vecchio designer?
È una risposta non colmabile, come il vuoto di chi non c’è più e non puoò rispondere alla nostra domanda.
Massimiliano Sabbion

 

LESBIA DI CATULLO: dall’ Aeroporto al Parco

Mittente: Marco Chiurato
Destinatario: Comune di Peschiera Del Garda
Luogo: Parco Catullo
Contiene staua di Lesbia, compagna di Catullo

Lesbia, compagna di Catullo, è stata spedita dall’ aeroporto da parte di Marco Chiurato, con destinazione Peschiera Del Garda.
Il caso vuole che sia precipitata proprio nel parco che porta il nome del suo amato

 

lesbia_invito_02lesbia_28lesbia_27 lesbia_26 lesbia_25 lesbia_23 lesbia_22 lesbia_21 lesbia_20 lesbia_19 lesbia_16 lesbia_15 lesbia_14 lesbia_12 lesbia_11 lesbia_09 lesbia_04 lesbia_03 lesbia_02 lesbia_01

SIERRA SALA BIM

Charles Taylor, dittatore dei diamanti insanguinati, ex presidente della Liberia

“Maniche lunghe o maniche corte?”. Era la frase preferita dei ribelli della Sierra Leone.
“Maniche lunghe” significava mozzare con il machete le mani della vittima, maniche corte implicava il taglio degli arti all’altezza del gomito. Alle vittime tagliavano braccia, occhi e genitali.
Perché l’obiettivo dei ribelli era mutilare, non uccidere.

l’ex presidente della Liberia Charles Taylor, giudicato colpevole dal Tribunale speciale delle Nazioni Unite per favoreggiamento e sostegno ai crimini di guerra commessi in Sierra Leone dal 1991 al 2002, nella guerra civile costata al paese più di 50mila tra morti e dispersi.

Apparentemente sembra che il mago stia facendo un famoso gioco di magia: quello di tenere sospeso tra due piedistalli un bambino.
Osservando meglio si nota la vera magia, la mancanza di arti superiori

sim_sala_bin_02 sim_sala_bin_01