TIME TO TIME

TIME TO TIME by Marco Chiurato
Opening Venerdì 4 settembre ore 20.00
Performance Venerdì 11 e sabato 12 settembre ore 20.00
Music “Stay hungry” by Winow Music Production (Andrea Saccarelli – Paolo Micheletto).
La mostra sarà visitabile fino a domenica 4 ottobre

pressoLe Nove hotel & restaurantVia Rizzi 51, 36055 Nove

lenove_02

LONTANO DAGLI OCCHI, LONTANO DAL CUORE

L’ installazione impone alla vista, finalmente nel medesimo spazio (quando invece la geografia umana separa il cuore dalle cose che non vede o non vuol vedere…), la più grande contraddizione della modernità: l’abbondanza e la privazione, per la quali gli uni s”abbelliscono e gli altri s”accasciano oscenamente al suolo, or già deformi, in un meccanismo ormai consolidato
come un credo, un “e così sia…”.
Appare eppure una Luce.
Qualcuno che – da un qualche dove, forse affacciandosi da un social a quella nostra Rete sopra il Mondo, magari con una condivisione virtuale che tutto concede senza poi nulla dovere -punta una luce, addita, risvela questo fatto oggi dato per esotico, quasi trasognato.
Comunque lo fa alle spalle, da lontano.
Simbolicamente, con uno strumento che l’Occidente ha inventato per andare più veloce e fors’anche lasciarsi alle spalle quello che più non anela: la sopravvivenza.
Forse l’altro, un altro – forse io, forse tu – alzerà gli occhi dall’enfio piatto e vedrà, dopo tutto, il vero senso del suo pasteggiare.
Sofia Cavalli

 

foto Luca Rigon

time_to_time_rigon_01

time_to_time_rigon_02

time_to_time_rigon_03

time_to_time_rigon_04

time_to_time_rigon_05

time_to_time_rigon_06

time_to_time_rigon_07

time_to_time_rigon_08

time_to_time_rigon_09

time_to_time_rigon_10

foto performance

time_to_time_performance_01

time_to_time_performance_02

time_to_time_performance_03

time_to_time_performance_04

time_to_time_performance_05

I COLORI DELL’AFRICA

Ocra, Smeraldo, Zafferano.
Il Pan di Spagna è una pasta dolce e soffice usata per lo più in pasticceria. Fu probabilmente inventata da un geniale pasticcere al servizio di una nobile famiglia genovese, ai tempi della Superba, de La Dominante i Mari Repubblica.
Limone, Bronzo, Giada.
Il suolo freme, arcua la schiena come un gatto, per restituire il calore sordo, bruciante, odoroso di quella terra che ha i segni del calpestio di millemila piedi nudi.
Dove la foresta non arriva, le piogge sono asciugate dal sole più acre che si possa conoscere. E si è come sudditi sotto il suo maestoso trono, all’epicentro del mondo.
Foresta, Ecru, Paglia.
L’impasto del Pan di Spagna viene preparato mischiando a freddo farina, zucchero, tuorli d’uovo e bianchi d’uovo montati a neve (e solo maestria e padronanza, qui, aiutano).
A questo punto, il composto viene versato delicatamente sulla tortiera abbondantemente imburrata e, quindi, infornato per circa venti minuti.
Camoscio, Oro, Bronzo.
Il vento procede imperterrito mentre l’attività umane consumano, degradano, con ghiotta ostinazione, quella materia placida, arrendevole, docile come un gatto anziano disteso sul portico nel tardo pomeriggio.
E quei colori, dal vigore ancestrale e primitivo, diventano finissima, opprimente, sinuosa sabbia.
Seppia, Ambra, Sabbia.
Ogni giorno, da qualche parte, qualcuno sta mangiando una zuppa inglese o qualche torta glassata a base di Pan di Spagna. Ironico che i resti, i fondi di quel morbido Pan di Spagna vengano gettati via, nell’immondizia.
Simbolico, dunque, che quei resti abbiano gli stessi colori dell’Africa; di quell’Africa che è Terra Bruciata.

Sofia Cavalli