Grandma’s Bank

Hotel Villa Cipriani Asolo

Marcoledì 14 Dicembre 2016
in Mostra 25 opere firmate Ennio Doris e Marco Chiurato
durante l’ esposizione Marco Chiurato farà un intervento dal vivo su ogni opera con lo zucchero
evento organizzato da MEDIOLANUM Private Bassano Antonio Sellaro
entrata solo su invito
bancamediolanum_03
bancamediolanum_05 bancamediolanum_04

La Grandma’s Bank è sempre stata una grande tentazione. Risparmiare, guadagnare, conservare, poi prudentemente nascondere. C’è stato un tempo in cui la ricchezza, dei singoli come degli Stati, si identificava con i forzieri colmi d’oro. Quelli di Stato nelle «Camere del Tesoro» (per più di un secolo si è chiamato «Ministero del Tesoro» il principale dicastero economico italiano), quelli dei pirati in inaccessibili caverne su isole omonime. Per non parlare di zio Paperone, che nell’oro – tra tintinnii di monete e frusciar di banconote – nuota beato.

La Grandma’s Bank non ti tradisce: cos’è questa storia della finanza, delle azioni, dei futures, dei derivati, delle obbligazioni? Non si vede nulla, scoppiano in «bolle», tutto evapora… La Grandma’s Bank no, allunghi una mano e tocchi il tuo tesoro. Ma c’erano dei tarli che ogni tanto divoravano i materassi: uno si chiama inflazione, attacca il tuo denaro e misteriosamente lo indebolisce. Le banconote si ammalano, perdono forza, alla fine non riescono più ad alzarsi e andare a fare il loro lavoro: un tempo baldanzose compravano una macchina, oggi, malate, non riescono a comprare neppure un motorino. Un altro tarlo si chiama interesse, ricordate la terribile parabola dei Talenti (lingotti d’argento, mica bruscolini)?

Finisce così, da brivido:

«Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso;  per paura andai a nascondere il tuo talento sotterra; ecco qui il tuo. Il padrone gli rispose: Servo malvagio e infingardo, sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. Perché a chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. E il servo fannullone gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti».

Grandma’s Bank, non mi tradire…